Stagione da incorniciare quella del classe ’96 Felix Schroter con la formazione Under 19 dello Schalke 04, culminata con la vittoria del campionato tedesco giovanile. Nella finale disputata contro i pari età dell’Hoffenheim, l’attaccante dei Konigsblauen ha realizzato una doppietta fondamentale per la conquista del titolo, a completamento di quella che è stata una annata ricca di gol come mai prima d’ora nella sua ancora breve carriera. Il bottino personale in questo 2014/15 registra ben 35 reti su un totale di 38 presenze, qui di seguito mostrate in dettaglio: 27 centri in 26 presenze nella A-Junioren Bundesliga West (media di un gol ogni 74 minuti); 3 gol in 6 gare di Uefa Youth League (un gol ogni 139 minuti); 2 reti in 3 partite di DFB-Junioren-Pokal (a segno ogni 83 minuti); 3 centri su 3 presenze nella A-Junioren Meisterschaft Endrunde (ovvero nelle gare che hanno determinato la vittoria finale del campionato per lo Schalke 04, una media di un gol ogni 72 minuti).

Come accennato, mai prima d’ora Felix Schoter era stato così determinante. La carriera del talento, dopo alcune squadre giovanili locali, ha preso una piega ben più importante con l’approdo allo Stoccarda nel 2008. Qui si mise in mostra trascorrendo 3 anni consecutivi ed ottenendo l’interesse dell’Hoffenheim, che nell’estate 2011 decide di acquisirne il cartellino vedendo nel giovane qualità su cui investire per il futuro. 13 le reti alla prima stagione in B-Junioren Bundesliga Sud/Sudwest con l’Under 17 lo portano a disputare la seguente annata a cavallo tra la formazione U17 (9 presenze e 2 gol) e l’U19 (10 gare con 5 centri). Nel 2013/14 non riesce ad avere la giusta continuità (solo 13 partite per 5 centri complessivi), mentre i suoi compagni ottengono sul campo il titolo tedesco Under 19 (Schroter disputerà solo 16 minuti tra le due semifinali e la finale) eliminando in semifinale lo Schalke 04 ed imponendosi per 5-0 sull’Hannover.

schroter hoffenheim

La tappa successiva di Schroter sarà proprio la squadra di Gelsenkirchen, dove l’attaccante trova finalmente una collocazione da titolare nella rosa (nonostante la presenza di giocatori che si sono poi imposti nella formazione maggiore come Leroy Sané e Felix Platte) andando a coronare una stagione letteralmente strepitosa per reti segnate, personalità mostrata e crescita tattica. Le due reti realizzate in finale contro gli ex compagni dell’Hoffenheim restano il punto massimo della stagione del giovane, una sorta di vendetta verso chi non gli aveva più dato la fiducia necessaria per poter emergere.

schalke u19 meister

Annunci