premier leagueCollaborazioni che raggiungono circa i 320mln di € quelle intraprese tra i club di Premier League e i loro main sponsor per la stagione 2015/16. A tenere testa è nuovamente il contratto stipulato l’anno scorso tra Manchester United e Chevrolet: durata di 7 anni e ricavi stagionali per 47mln di sterline (complessivamente un accordo da 330mln di £). Insegue il Chelsea che, terminata la collaborazione con Samsung, strappa un contratto da 200mln di sterline complessivi per 5 anni con Yokohama.

Non sono da meno Arsenal (30mln di £ da Fly Emirates), Liverpool (25mln di £ da Standard Chartered) e Manchester City (20mln di £ da Etihad), le quali incassano cifre che vanno ben oltre quelle stanziate in qualsiasi altro campionato. Per fare un esempio: il Milan, che possiede lo stesso sponsor dei Gunners, riceve 20mln di € all’anno, meno della metà rispetto a quanto percepisce la società inglese).

7 sponsorizzazioni sono state intraprese con società di scommesse: West HamBetway (a partire da quest’anno), SunderlandDafabet (in precedenza presente sulle maglie dell’Aston Villa), Stoke Citybet365 (presente dal 2012), West BromwichTLC bet, Watford138.bet (accordo annuale), Crystal Palace e Bournemouth entrambe con Mansion.

Intuit Quickbooks passa dal West Bromwich all’Aston Villa per un accordo importante da 5mln di £ annui. Resta nuovamente partner commerciale dell’Everton lo sponsor Chang Beer, attualmente il contratto più longevo tra quelli presenti in Premier League (durata decennale rinnovata nella passata stagione per ulteriori tre stagioni). Viaggiano a braccetto, e continueranno a farlo, il Leicester ed il suo main sponsor King Power, dato che il proprietario Vichai Raksriaksorn possiede entrambe le società.

Annunci