Solo 3 anni fa Leandro Damiao doveva essere l’erede di Edinson Cavani per guidare l’attacco del Napoli del neo ct Rafa Benitez. La trattativa non si sbloccò a causa dei diritti d’immagine ed in azzurro approdò Gonzalo Higuain. Da quell’estate 2013 in poi, visto il pessimo rendimento offerto dal brasiliano con le maglie di Santos e Cruzeiro, possiamo dire che il mancato accordo è stato un vero colpo di fortuna per la società partenopea. La valutazione dell’attaccante, infatti, è precipitata da 25 a 6mln di € e le prestazioni sul campo sono diventate sempre più deludenti (solo 14 reti in 58 presenze complessive).

Nel dicembre 2015, il mancato pagamento di alcune mensilità dello stipendio ha provocato la rescissione del contratto tra Leandro Damiao ed il Santos, costringendo di fatto la società bianconera ad anticipare il versamento dei 18mln di € di debito verso Doyen Sports, fondo d’investimento che contribuì all’acquisto del giocatore versando i 13mln di € richiesti dall’Internacional de Porto Alegre due stagioni prima. Una situazione a dir poco surreale che, alla fine, ha reso il giocatore brasiliano uno dei più appetibili sul mercato invernale grazie al suo status di svincolato.

damiao santos

Nonostante i soli 26 anni, possiamo constatare che Leandro Damiao è nel momento peggiore della propria carriera calcistica. L’ancora di salvataggio, però, arriva dall’Europa, continente dove il brasiliano non ha mai giocato ma dove gode ancora di ottima stima per quanto ha saputo mostrare nel recente passato. E così, dopo che a seguirlo con fortissimo interesse si sono mosse Sporting Lisbona, Wolfsburg, Galatasaray e persino l’Atalanta, a firmare un accordo definitivo con Damiao sono stati gli spagnoli del Betis Siviglia. Questi ultimi hanno stipulato con il giocatore un contratto da 1,5mln di € netti a stagione per un anno e mezzo di durata.

damiao betis siviglia

Il sogno della dirigenza biancoverde è che il Leandro Damiao torni ovviamente ad essere quello dei tempi di Porto Alegre, dove con la maglia dell’Internacional (47 reti in 120 presenze) era riuscito a conquistare persino un posto in nazionale. Se così fosse, l’ingaggio a parametro zero si rivelerebbe un vero e proprio colpo affare. In caso contrario, possiamo notare come la società si sia già cautelata proponendo all’attaccante un contratto dalla durata piuttosto esigua che eviti di impattare la gestione economica nel lungo periodo.

damiao brasile

Annunci