hsvIl prossimo 30 giugno in casa Amburgo numerose scadenze di contratto difficilmente verranno rinnovate. La motivazione è quella di ridurre le alte spese sostenute per gli stipendi che, negli ultimi anni, sono cresciute vertiginosamente e senza il dovuto controllo. Secondo il presidente Dietmar Beiersdorfer, il successo sportivo deve passare anche da un’attenta gestione delle proprie risorse interne, evitando di sottoscrivere accordi che, alla lunga, possono far venir meno la liquidità del club. La dirigenza anseatica è consapevole che questa situazione è stata il frutto di annate pessime a livello di risultati (due volte al 16° posto della Bundesliga con salvezze conquistate soltanto grazie ai playoff), le quali hanno prodotto un innalzamento del numero di calciatori in entrata e, di conseguenza, una crescita costante degli ingaggi da pagare. L’elenco dei giocatori in scadenza è visibile nella tabella sottostante.

scadenze contratto amburgo 2016
Analizzando le prestazioni del 2015/16 fino alla 22a giornata di Bundesliga, i calciatori più utilizzati sono stati Emir Spahic (17 presenze) ed Ivo Ilicevic (21). Il primo è il titolare della retroguardia (solo 5 gare saltate, una per squalifica e 4 per infortuni vari) e, probabilmente, sarà anche l’unico a rinnovare con l’HSV grazie alla ottima considerazione riservata dal tecnico Bruno Labbadia nei suoi confronti. Il secondo, nonostante il buon rendimento (3 reti e 3 assist), non resterà a causa delle alte pretese contrattuali che la dirigenza non intende in alcun modo avallare (il croato aveva già prolungato la stagione scorsa dimezzando il proprio salario). Sul centrocampista è già forte l’interesse di Werder Brema e Stoccarda.

Difficilissimi i rinnovi per tutti gli altri. Ivica Olic, nonostante il glorioso passato e la grande voglia palesata nella passata stagione di fare ritorno alla sua vecchia squadra, è stato messo in disparte dal tecnico e non vede l’ora di cambiare aria.

olic hsv

Gojko Kacar ha rinnovato la scorsa stagione dopo l’ottimo finale 2014/15 (vedi articolo “Amburgo: il nuovo tecnico Bruno Labbadia rilancia Gojko Kacar in mezzo al campo”), ma i troppi infortuni di quest’anno non gli garantiranno la permanenza. Artjoms Rudnevs è invece il paradosso del momento: la società lo voleva cedere già a gennaio (anche in prestito), lui è rimasto e a sorpresa è rientrato nel giro dei titolari. In 5 presenze 2 reti ed un assist, sintomo di una ritrovata condizione e fiducia.

rudnevs hsv

Il mancato rinnovo di tutti e 5 gli elementi garantirebbe un risparmio annuale di circa 7mln di € netti, quasi il doppio se si osservano al lordo. Sarebbe sostanzialmente un primo segnale di riassestamento delle finanze interne dopo ben 5 stagioni chiuse in passivo (vedi articolo “Amburgo: bilancio in perdita per il quinto anno consecutivo”).

Annunci