Lo Sporting Lisbona ha già redatto il bilancio relativo alla gestione 2015/16. Decisamente celere la società portoghese, ma questa è l’unica nota positiva. La relazione finale, infatti, riporta perdite per circa 32mln di €. Secondo la dirigenza dei Leoes, gran parte del risultato negativo è legato alla sentenza del Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna in merito alla vicenda Marcos Rojo (vedi articolo “Sporting Lisbona: persa la causa contro Doyen Sports legata al caso “Marcos Rojo”“), la quale ha stabilito che i biancoverdi dovessero versare nei confronti di Doyen Sport circa 15mln di €.

Considerata come una spesa imprevista di gestione, la sentenza del TAS ha decisamente peggiorato i conti di una società che, in ogni caso, avrebbe concluso il proprio 2015/16 in perdita. Dalla relazione annuale dello Sporting Lisbona, inoltre, vengono riportate le remunerazioni per gli amministratori della società. Con l’approvazione dell’Assemblea Generale, il presidente Bruno de Carvalho ha ricevuto 224mila € per il proprio operato, nei quali sono inclusi 77mila € riferiti alla gestione 2014/15 che non erano ancora stati liquidati.

Le cospicue cessioni (che al tempo stesso produrranno sontuose plusvalenze) di Joao Mario (40mln di €) e Islam Slimani (30mln) saranno incluse nel bilancio di gestione 2016/17 e contribuiranno sensibilmente a riequilibrare l’assetto finanziario del club della Liga NOS.

Annunci