malagaSono serviti 5 incontri al Malaga, reduce da 2 pareggi e 2 sconfitte, per centrare la prima vittoria nella Liga 2016/17. Tale traguardo è stato raggiunto nella gara di casa disputata contro l’Eibar terminata per 2-1 in rimonta, con lo svantaggio iniziale ribaltato dalle marcature di Sandro Ramirez e Youssef En-Nesyri. Per il secondo, subentrato al 67° minuto al posto di Charles, si è trattato del primo centro tra i professionisti, siglato soltanto 9 minuti dopo il suo ingresso sul terreno di gioco. Una conclusione stupefacente quella dell’attaccante, accentratosi in velocità palla al piede partendo dalla corsia destra prima di colpire il pallone con un prezioso mancino dall’angolo estremo dell’area. Un tiro imparabile per il portiere avversario Asier Riesgo, terminato sul secondo palo con grande forza e precisione.

Per il marocchino classe ’97, alla terza presenza in assoluto con il Malaga (tutte peraltro da subentrante), si tratta probabilmente della rete che lo proietterà in pianta stabile nella rosa del tecnico Juande Ramos, visto e considerato che il giovane è tuttora tesserato per la formazione giovanile dell’Atletico Malagueno (la quale lo aveva a sua volta prelevato per 125mila € dall’Académie Mohammed VI de Football nel luglio 2015). Il gol è anche la conferma di quanto Youssef En-Nesyri era già riuscito a far vedere nel corso dell’estate appena trascorsa, dove nelle varie amichevoli disputate aveva messo a segno ben 6 marcature dimostrando tutta la sua personalità. Il marocchino, inoltre, diventa il terzo giocatore più giovane nella storia del club biancazzurro ad aver segnato una rete con la prima squadra.

en-nesyri-malaga-02

Già prima dell’exploit nella Liga, l’attaccante era già stato convocato da Hervé Renard, commissario tecnico del Marocco. Con la nazionale marocchina Youssef En-Nesyri vanta già due presenze da titolare (una in amichevole ed una di qualificazione per la Coppa d’Africa) nonostante i soli 19 anni, mentre in precedenza aveva collezionato 7 presenze e 3 reti con l’Under 20.

Il giovane è il classico esempio di punta moderno: alto e forte fisicamente (1.92m per 76kg), ma allo stesso tempo in grado di muoversi con rapidità e dinamicità su tutto il fronte d’attacco. Le sue doti atletiche, infatti, gli permettono di poter giocare anche sull’ala, sia a sinistra che a destra, dove sfrutta il buon controllo palla e la velocità per cercare il fondo o per accentrarsi e concludere a rete. Youssef En-Nesyri è dotato inoltre di un tiro decisamente potente e preciso, nonché di un fiuto del gol da prima punta di razza.

Annunci