Il Botafogo ha fatto ricorso al CAS (Corte Arbitrale dello Sport) in merito al caso “Arevalo Rios”. La società brasiliana deve ancora ricevere il 25% dei diritti di trasferimento del giocatore, un importo risalente ormai all’estate 2012, ovvero quando si è concretizzato il passaggio dell’uruguaiano dal Club Tijuana al Palermo. I dirigenti del Fogao sostengono infatti che il club avrebbe inserito tale clausola durante la cessione del calciatore alla formazione messicana, operazione avvenuta l’estate precedente.

La sentenza verrà giudicata il 20 dicembre. Nel caso in cui il Botafogo dovesse vincere il ricorso, i brasiliani incasserebbero dal Club Tijuana la quota del diritto di trasferimento sottoscritto: 700mila €. Tale cifra corrisponde al 25% dei 2,8mln di € incassati dai messicani nel 2012 per la vendita di Arevalo Rios al Palermo.

arevalo-rios-palermo

Dopo la parentesi italiana del 2012/13 (27 presenze, 2 reti e 2 assist), il 34enne nazionale uruguaiano (87 presenze con la Celeste) ha cambiato numerosi club indossando le maglie di Chicago Fire, Tigres UANL, Monarcas Morelia, Atlas Guadalajara e Chiapas.

Annunci