8 i rigori assegnati dai direttori di gara tra la 36a e la 38a giornata di Serie A 2016/17. La media realizzativa dei turni presi in esame è pari al 75%, con solo 2 errori dagli 11 metri ad abbassare tale percentuale. Il primo lo registra Manuel Pucciarelli dell’Empoli, autore del primo errore stagionale dal dischetto su due tentativi. L’altro lo sbaglia Carlos Bacca del Milan, per lui il secondo errore consecutivo dopo che ad inizio stagione era riuscito a trasformare 4 penalty.

In queste 3 giornate sono stati più volte impegnati dagli 11 metri i portieri del Cagliari: Rafael e Luca Crosta. Il primo para il rigore di Manuel Pucciarelli al turno 36, mentre non può nulla sulla conclusione di Pietro Iemmello del Sassuolo nella giornata successiva e chiude il suo bilancio stagionale con ben 3 rigori parati e solo 2 incassati. Il 19enne italiano, invece, debutta nella massima serie sventando il tiro del sopracitato Carlos Bacca, mentre nello stesso incontro non riesce a ripetersi contro Gianluca Lapadula.

Samir Handanovic dell’Inter chiude forse con il bilancio più negativo da quando è in Serie A: 5 rigori incassati e soltanto uno parato. Peggio di lui Joe Hart del Torino, che nella sua esperienza italiana non è riuscito a parare nemmeno un tiro dagli 11 metri subendone complessivamente 6.

Chi non interrompe il proprio percorso realizzativo è Ciro Immobile della Lazio, il quale conclude la stagione con 6 penalty trasformati su 6. Nonostante ciò, il miglior marcatore dal dischetto della Serie A 2016/17 è Diego Perotti della Roma, arrivato a quota 7 centri su 7 tiri dagli 11 metri nelle prime 26 giornate (dalla 27a alla 38a non ha più avuto occasione di migliorare tale trend).

Annunci