Una situazione piuttosto insolita quella che in questa seconda settimana vede come protagonista dell’articolo il trasferimento di Vitolo all’Atletico Madrid. L’ala d’attacco, infatti, si è liberata a sorpresa dai vincoli contrattuali che la legavano al Siviglia versando di tasca propria l’intero importo della clausola rescissoria pari a 36mln di €. Il motivo di tale scelta è ovviamente da ricondurre al blocco del mercato imposto ai Colchoneros, i quali non possono acquistare alcun calciatore nell’intera sessione estiva 2017/18. Per questo motivo il classe ’89, chiaramente con il benestare della società madrilena, ha optato per tale drastica decisione al fine di raggiungere la nuova squadra durante la prossima riapertura invernale del calciomercato (periodo nel quale terminerà lo stop imposto dalla FIFA nei confronti dei bianco-rosso-blu). Nel frattempo lo spagnolo si accaserà in prestito al Las Palmas, formazione della Liga nella quale è cresciuto calcisticamente disputando 90 gare ufficiali e realizzando 26 reti tra il 2010 ed il 2013.

vitolo las palmas

Un cambio di rotta che ha stupito in primis la dirigenza del Siviglia, la quale aveva ormai trovato l’accordo con il giocatore per il prolungamento contrattuale dal 2020 al 2022 e l’innalzamento della clausola rescissoria da 36 a 50mln di €. Un rinnovo che era stato anche preannunciato sui social dal presidente del club José Castro, orgoglioso di essere riuscito a trattenere uno degli elementi più rappresentativi della rosa. Eppure la firma sul nuovo contratto non è mai arrivata e l’imprevedibile ed improvviso addio di Vitolo ha persino provocato le dimissioni del vicepresidente José Maria del Nido.

vitolo josé castro siviglia

Dopo 4 anni più che ottimi a Siviglia (177 presenze, 28 reti e 45 assist e, soprattutto, la conquista di 3 Europa League consecutive), Vitolo ha deciso di intraprendere una nuova ed intrigante esperienza in Spagna per ambire a trofei più ambiziosi. La crescita del classe ’89 nelle ultime stagioni ha portato inoltre il duttile esterno spagnolo a conquistare con prepotenza un posto nella nazionale maggiore allenata da Julen Lopetegui realizzando ben 4 reti e 2 assist in 8 presenze.

vitolo spagna

La convinzione di poter essere determinante in un club di maggior spessore ed un contratto più remunerativo lo hanno portato a voltare le spalle in maniera drastica alla squadra che lo ha reso celebre in patria e non solo, a costo di disputare sei mesi in una formazione di media classifica e di essere ormai etichettato ufficialmente come “traditore” da parte della tifoseria sevillista.

Annunci